La protesi mioelettrica innovativa

Download Brochure

La nostra Mission è quella di trasformare le disabilità in nuove Possibilità


Unsplashed background img 1


Adam’s Hand è l’acronimo di “A Dialogic Adaptive Modular Sensitive Hand”

settings_input_antenna

Dialogic

Adam's Hand ha l'obiettivo di potenziare l'utente fornendogli informazioni ricavate dalla realtà che lo circonda e migliorando la sua connessione con l'ambiente: IoT e domotica sono a portata di mano!

thumb_up

Adaptive

La sinergia fra meccanica avanzata e algoritmo di auto-apprendimento porta l'utente ad imparare ad utilizzare il dispositivo in modo semplice e veloce. L'integrazione app/web per la telemedicina permette un'interazione continua ed efficace fra utente ed ortopedico.

view_quilt

Modular

Processi industriali classici uniti ad innovative tecnologie di stampa 3D consentono una completa personalizzazione del dispositivo. Adam's Hand è inoltre progettata in maniera modulare, in modo da adattarsi a diversi livelli di amputazione: un singolo dispositivo per soddisfare i bisogni di tutti gli utenti.

cloud

Sensitive

I segnali dei sensori sono raccolti e stoccati in un database cloud. Feedback visivi, audio e vibratori sono forniti all'utente: il dispositivo non è più percepito come un'innaturale appendice meccanica, ma piuttosto come un'estensione del suo corpo.


Sei interessato ad Adam's Hand?

Registrati per rimanere aggiornato
Unsplashed background img 2

Innovazione

L'innovativo meccanismo alla base di Adam's Hand, patent pending, attua 15 gradi di libertà con un solo motore, invece dei cinque motori convenzionalmente utilizzati nelle altre protesi, effettuando una distribuzione automatica della coppia fra le dita, che si adattano quindi alla forma dell'oggetto impugnato sviluppando sempre la presa più stabile possibile.

Ciò permette di semplificare il controllo dei movimenti e di risparmiare sul costo, sul peso e sulle dimensioni della protesi.


Unsplashed background img 3

Elaborazione dei segnali

Adam’s Hand riconosce i gesti dell’utente e valuta la forza con cui attuarli tramite un algoritmo che utilizza i segnali degli elettrodi EMG rettificati e filtrati e del modulo IMU a 9 assi del bracciale Myo. Tali dati sono mediati temporalmente e forniti in input ad un algoritmo che integra una rete neurale. Questa viene inizializzata tramite una fase di training attuata all’avvio del sistema.

Unsplashed background img 3

Partner

partner 1 partner 2 partner 3 partner 4 partner 5